Circle, l’azienda dietro la stablecoin USDC, ha lanciato un avvertimento su una campagna di phishing attiva che tenta di attirare gli utenti per trasferire i token a indirizzi maligni.

Come da tweet, gli attori della minaccia si sono mascherati per lavorare per Centre, che è un consorzio fondato da Coinbase e Circle.

Dichiarazione di Circle

Circle ha dichiarato che non esiste una nuova versione del token USDC sul mercato e ha invitato gli utenti a non cadere nella truffa.

“ATTENZIONE PSA: è in corso una campagna di phishing che tenta di attirare gli utenti per trasferire i token #USDC a indirizzi malevoli. I truffatori fingono di provenire dal Centro. Non esiste una nuova versione di USDC sul mercato. Vi preghiamo di non cascarci”.

L’amministratore delegato e fondatore di Circle, Jeremy Allaire, ha recentemente scritto ai leader del Congresso per i servizi finanziari, sollecitando una legislazione chiara e praticabile sulle stablecoin negli Stati Uniti e avvertendo che, in caso contrario, si attireranno ulteriori rischi nel paese.

Truffe di phishing persistenti

L’attività di phishing, invece, ha giocato un ruolo da protagonista durante il mercato ribassista. L’ultimo sviluppo emerge pochi giorni dopo l’individuazione di una campagna di phishing volta a bypassare l’autenticazione a più fattori e ad ottenere l’accesso agli account di borse di criptovalute come Coinbase, MetaMask, Crypto.com e KuCoin e a trafugare cripto-asset.

Secondo BleepingComputer, le entità del truffatore hanno abusato del servizio Microsoft Azure Web Apps per ospitare una rete di siti di phishing e attirare le vittime verso di essi tramite messaggi di phishing che impersonano richieste di conferma di transazioni fraudolente o di rilevamento di attività sospette”.

Più di recente, un “falso profondo” di scarsa qualità video di Sam Bankman-Fried, l’ex CEO della borsa di criptovalute FTX, ha fatto il giro di Twitter, tentando di truffare gli utenti colpiti dal fallimento della borsa.

Inoltre, l’esperto di sicurezza blockchain CertiK ha rivelato in un nuovo rapporto che un nutrito gruppo di attori professionisti “Know Your Customer (KYC)” viene impiegato da sviluppatori di blockchain e truffatori di dubbia fama per frodare gli investitori di criptovalute.

Gli attori in questione completano il processo di KYC per conto dei proprietari dei progetti truffaldini per guadagnare la fiducia della comunità crittografica prima di eseguire una truffa.



Share.

Leave A Reply

Exit mobile version