I legislatori del Kenya stanno discutendo il Capital Markets (Amendment) Bill 2022, che mira a introdurre la tassazione sulle criptovalute, sui portafogli digitali e sulle transazioni individuali. La testata locale Business Daily riporta che il disegno di legge sponsorizzato dal deputato Abraham Kirwa vuole introdurre un’accisa del 20% su ogni transazione di criptovaluta eseguita nel Paese.

Secondo il disegno di legge, se una persona detiene valuta digitale per meno di un anno, sarà tenuta a pagare un’imposta sul reddito, ma se il periodo supera i 12 mesi, si applicherà invece l’imposta sulle plusvalenze.

Il nuovo disegno di legge arriva quasi due anni dopo che il Kenya ha presentato la tassa sui servizi digitali (DST) nell’ambito della legge finanziaria 2020 del Paese. La DST è entrata in vigore nel gennaio 2021 e ha introdotto un’imposta dell’1,5% sui servizi, comprese le transazioni di criptovalute eseguite tramite i mercati digitali.

Nel frattempo, il piano proposto dal Kenya di emendare la legge sui mercati dei capitali per introdurre la tassazione sulle criptovalute arriva cinque mesi dopo che la Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD) ha invitato i Paesi in via di sviluppo a garantire una regolamentazione finanziaria completa, imponendo la registrazione degli scambi di criptovalute e dei portafogli digitali.

Inoltre, l’UNCTAD ha chiesto che i Paesi in via di sviluppo rendano meno attraente l’uso delle criptovalute “imponendo commissioni di ingresso per gli scambi di criptovalute e i portafogli digitali e/o imponendo tasse sulle transazioni finanziarie per il trading di criptovalute”. Questo anche se un recente rapporto dell’UNCTAD rileva che il Kenya, con 4,25 milioni di persone o l’8,5% della popolazione coinvolta nelle criptovalute, ha il più alto tasso di adozione delle criptovalute in Africa.

Africa e regolamentazione delle criptovalute

Secondo il Chainalysis 2021 Indice di adozione globale delle criptovalute, Kenya, Sudafrica e Nigeria sono tra i primi 10 Paesi al mondo in termini di utilizzo di criptovalute. Inoltre, l’Africa è il Paese più mercato delle criptovalute in più rapida crescita tra le economie in via di sviluppo e il terzo mercato in crescita al mondo.

Ad aprile, la Repubblica Centrafricana, uno dei Paesi più poveri del mondo, è stata colpita da conflitti decennali, ha annunciato di adottare il Bitcoin (BTC) come moneta legale. Tuttavia, non tutti i Paesi del continente sono aperti all’uso delle criptovalute. Mentre 4 Paesi africani, Algeria, Egitto, Marocco e Tunisia, hanno posto un divieto assoluto sulle criptovalute, 19 Paesi, tra cui la Nigeria, la più grande economia africana, hanno posto restrizioni implicite sugli asset digitali.

I legislatori del Kenya stanno discutendo il Capital Markets (Amendment) Bill 2022 che mira a introdurre la tassazione delle criptovalute sugli scambi di criptovalute, sui portafogli digitali e sulle transazioni individuali. La pubblicazione locale Business Daily riporta che il disegno di legge promosso dal deputato Abraham Kirwa vuole introdurre un’accisa del 20% su ogni transazione di criptovaluta eseguita nel Paese.

Secondo il disegno di legge, se una persona detiene valuta digitale per meno di un anno, sarà tenuta a pagare un’imposta sul reddito, ma se il periodo supera i 12 mesi, si applicherà invece l’imposta sulle plusvalenze.

Il nuovo disegno di legge arriva quasi due anni dopo che il Kenya ha presentato la Digital Service Tax (DST) nell’ambito della legge finanziaria 2020 del Paese. La DST è entrata in vigore nel gennaio 2021 e ha introdotto un’imposta dell’1,5% sui servizi, comprese le transazioni di criptovalute eseguite tramite i mercati digitali.

Nel frattempo, il piano proposto dal Kenya di emendare la legge sui mercati dei capitali per introdurre la tassazione sulle criptovalute arriva cinque mesi dopo che la Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD) ha invitato i Paesi in via di sviluppo a garantire una regolamentazione finanziaria completa, imponendo la registrazione degli scambi di criptovalute e dei portafogli digitali.

Inoltre, l’UNCTAD ha chiesto che i Paesi in via di sviluppo rendano meno attraente l’uso delle criptovalute “imponendo commissioni di ingresso per gli scambi di criptovalute e i portafogli digitali e/o imponendo tasse sulle transazioni finanziarie per il trading di criptovalute”. Questo anche se un recente rapporto dell’UNCTAD rileva che il Kenya, con 4,25 milioni di persone o l’8,5% della popolazione coinvolta nelle criptovalute, ha il più alto tasso di adozione delle criptovalute in Africa.

L’Africa e la regolamentazione delle criptovalute

Secondo il Chainalysis 2021 Indice di adozione globale delle criptovalute, Kenya, Sudafrica e Nigeria sono tra i primi 10 Paesi al mondo in termini di utilizzo di criptovalute. Inoltre, l’Africa è il Paese più mercato delle criptovalute in più rapida crescita tra le economie in via di sviluppo e il terzo mercato in crescita al mondo.

In aprile, la Repubblica Centrafricana, uno dei Paesi più poveri del mondo, è stata colpita da conflitti decennali, ha annunciato di adottare il Bitcoin (BTC) come moneta legale. Tuttavia, non tutti i Paesi del continente sono aperti all’uso delle criptovalute. Mentre 4 Paesi africani, Algeria, Egitto, Marocco e Tunisia, hanno posto un divieto assoluto sulle criptovalute, 19 Paesi, tra cui la Nigeria, la più grande economia africana, hanno posto restrizioni implicite sugli asset digitali.

Share.

Leave A Reply

Exit mobile version