Una delle principali preoccupazioni è quella di assicurarsi che i nostri file siano sicuri e che nessuno possa modificarli e dichiarare che il proprio indirizzo possiede più criptovalute (Bitcoin, Ethereum, Litecoin ecc.) di quante ne possieda in realtà.

È qui che entra in gioco il “mining” come soluzione.

In pratica, abbiamo una rete che invia il file a decine di migliaia di “timbratori” che possono firmare l’autenticità della transazione, controllando quindi che tutto sia genuino e convalidando il trasferimento. Il risultato è che il mittente può spendere i suoi Bitcoin e, in ultima analisi, voi potete riceverli senza preoccupazioni.

Ora, è qui che entra in gioco la natura umana, dobbiamo compensare le persone (o i minatori) per il loro tempo e il loro impegno nel verificare tutte queste transazioni (c’è anche un costo energetico da tenere in considerazione).

Avete visto il mio commento qui sopra, “Dopo tutto perché non condividere tra tutti noi”, benvenuti nel 21° secolo e nel mondo delle criptovalute! Quindi i “minatori” vengono compensati con Bitcoin attraverso la blockchain per assicurarsi che tutte le transazioni siano autentiche, quindi non c’è nessun intermediario che manipola la valuta tra una transazione e l’altra, che ne dite di un affare fantastico?

Quindi ora avete una valuta decentralizzata (nessuna manipolazione o interferenza da parte del governo, e questo è l’importante) che viene sorvegliata da migliaia di minatori, che certo ricevono un piccolo compenso, ma controllano la validità e l’onestà di tutte queste transazioni.

Questo è il denaro per il 21° secolo e oltre.

Ora, le transazioni sono coperte, ma dove conservo i miei Bitcoin?

È qui che entra in gioco il portafoglio.

In parole povere, si dispone di un codice bitcoin univoco, che può essere utilizzato per inviare bitcoin, quindi può essere visto da chiunque ed è visibile per effettuare transazioni nell’ambiente bitcoin.

Dove conservo i miei bitcoin?

Nello stesso posto in cui si tiene il denaro (se si usa un portafoglio), solo che questo è un portafoglio Bitcoin (criptovaluta).

Tutto ciò che si fa è impostare un indirizzo unico dove memorizzare i bitcoin (criptovaluta) e andare a questo indirizzo per accedere a quanti bitcoin si possiedono attualmente. Si accede a questo programma online con un’e-mail e una password.

Ok, questa è una spiegazione semplice, devo entrare in maggiori dettagli che tratterò nel prossimo articolo.

Share.

6 commenti

Leave A Reply

Exit mobile version